La Malva utilizzata fin dai tempi dei romani, i quali apprezzavano le proprietà “LAX”. Proprio per questo suo contenuto emolliente, faceva parte delle quattro erbe bechiche delle antiche farmacopee, insieme a: altea, parietaria, tasso barbasso e verbadco.

PROPRIETA’:

La Pianta Malva Sylvestrls L. o foglie di Malva Selvatica è ricca di mucillagini che esercitano un’azione lenitiva ed emolliente delle mucose infiammate. Viene , di solito utilizzata per lenire con impacchi e lavaggi le irritazioni dovute ad agenti atmosferici, scottature o manifestazioni eruttive dei bambini. La particolare attività antinfiammatoria, astringente e vasoprotettrice classifica la pianta come ottimo antiemorroidario e cicatrizzante nelle ulcere. Questa pianta possiede anche azione lievemente lassativa.

USO DELLA MALVA:

Viene usata nei processi infiammatori e catarrali delle vie respiratoria nelle gastroenteriti

Spesso la Malva viene utilizzata per la sua azione di protezione sullo stomaco attraverso tisane ed infusi.

MODALITA’ D’SUO

Portare a ebollizione le foglie e i fiori di Malva. Far bollire per qualche minuto, spegnere il fuoco, coprire e lasciare in infusione per circa 10 min. Filtrare l’infuso e berlo al momento del bisogno in caso di:
– tosse
– colite
– infiammazione delle mucose
– stitichezza

Preparazione a freddo: 10-15 grammi di fiori e foglie tagliate lasciate a macerare in acqua fredda per almeno 5/6 ore. Con questa operazione a freddo si ottiene la migliore estrazione di mucillagini.

La tisana alla malva è inoltre ottima da bere al mattino, per le sue proprietà sgonfianti e per regolare l’attività intestinale. Potete preparare l’infuso e berlo durante tutto il giorno – calma le infiammazioni e attiva la guarigione.

——————————–

USO ESTERNO

Con il decotto, una volta raffreddato, si può trovare beneficio mediante gargarismi, in caso d’infiammazioni della gola o mediante lavande in caso di irritazioni vaginali.

 

——————————–

GUARDA ANCHE

FITOTERAPIA, BENESSERE, BELLEZZA

Leave a comment